Una benedizione nascosta (storia popolare cinese)

di Yang, Jwing-Ming

Molto, molto tempo fa, c’era un gentile uomo anziano che viveva nelle pianure fuori dalla Grande Muraglia cinese. Quest’uomo aveva solo due passioni nella sua vita: collezionare razze rare di cavalli e suo figlio, che amava più di ogni altra cosa.

L’uomo e suo figlio cavalcavano i loro cavalli ogni giorno. Avrebbero percorso grandi distanze per commerciare cavalli, incontrare nuove persone e godere della fortuna che la vita aveva concesso loro.

Una mattina un servitore lasciò aperta la porta della stalla e uno degli stalloni preferiti dell’uomo fuggì. Quando i vicini sentirono la notizia della fuga dello stallone, si recarono a confortare l’anziano. Gli dissero che erano dispiaciuti per la sua sfortuna.

Ma stranamente, il gentile signore non era turbato. Spiegò ai suoi vicini che perdere il cavallo non era necessariamente sfortuna. Non c’era modo di prevedere che il cavallo sarebbe fuggito, era appena successo e ora non c’era più nulla da fare al riguardo. “Non c’è motivo di essere turbati” disse l’uomo. I vicini presto si resero conto che non potevano fare nulla per aiutare a riportare indietro il cavallo e che non dovevano sentirsi tristi per la sfortuna dell’anziano.

Una settimana dopo, lo stallone era tornato e aveva portato con sé una cavalla. Questa non era solo una giumenta, ma una rara e preziosa giumenta bianca. Quando i vicini vennero a sapere della buona fortuna del signore, arrivarono rapidamente a congratularsi con lui. Ma ancora una volta, l’anziano signore non era eccitato. Come aveva spiegato prima, non era necessariamente fortuna l’arrivo di questo nuovo e bellissimo cavallo bianco. Era appena successo e non c’era motivo di farsi prendere dall’entusiasmo. Ancora un po’ perplessi, i vicini se ne andarono velocemente così come erano venuti.

Poco tempo dopo, mentre suo figlio stava cavalcando il cavallo bianco, l’animale scivolò e cadde. Atterrò sulla gamba del figlio, rompendogliela, che da quel momento in poi avrebbe camminato zoppicando. Ancora una volta, i vicini andarono a casa dell’uomo per portare il loro sostegno in seguito alla sfortuna che aveva colpito suo figlio. Uno dei vicini suggerì che l’anziano vendesse la cavalla prima che potesse arrivare altra sfortuna, mentre altri dissero che avrebbe dovuto vendicarsi e uccidere la cavalla. Tuttavia, il vecchio non fece nulla di tutto ciò. Spiegò ai vicini che non dovevano provare dolore per suo figlio, né rabbia verso la cavalla. Era stato puramente un incidente che non si poteva prevedere e non c’era nulla che lui o loro potessero fare per cambiarlo. A questo punto, i vicini pensarono che l’uomo fosse pazzo e decisero di lasciarlo in pace.

Due anni dopo un nemico invase il Paese e tutti i vicini furono arruolati per difendere il Paese dagli attacchi. Poiché il figlio dell’anziano era zoppo, non potè unirsi ai combattimenti. La guerra fu molto cruenta e la maggior parte dei vicini dell’anziano signore furono uccisi, ma suo figlio fu risparmiato perché era stato ferito dal cavallo bianco due anni prima.

Molto spesso, quando si verifica un evento che tutti pensano sia una buona fortuna, i risultati finali sono disastrosi. Allo stesso modo, un evento sfortunato può portare felicità. Pertanto, non dovreste perdere la vostra volontà di continuare se si verifica un evento sfortunato, né dovreste essere troppo felici o sentirvi troppo soddisfatti per un evento fortunato o perché qualcosa che desiderate vi arriva molto facilmente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *